I tempi stanno cambiando!
Anche nel settore del vino, che sembra sempre in ritardo rispetto alle nuove tendenze di marketing digitale, i produttori di vino e le aziende vinicole devono rendersi conto che dovranno convincere i consumatori direttamente utilizzando i social media e le piattaforme digitali. Entro 2 o 5 anni, i consumatori si aspetteranno che i marchi siano “social” e presenti nello spazio digitale. Coloro che non lo faranno semplicemente cederanno quote di mercato ai loro competitors. Nei prossimi post che seguiranno, scrivo 10 consigli per orientarsi nella giusta direzione.
1. Ottimizza il tuo sito web:
Sì, ci sono ancora cantine là fuori che gestiscono siti web degli anni 2000 o, peggio ancora, Flash!
Il web potrebbe aver perso terreno sui social media, ma i siti web sono ancora piattaforme di informazioni efficaci nel generare l’attenzione dei consumatori. È un ottimo posto per raccontare la tua storia e un ottimo posto per vendere!
Il consumatore vive sui dispositivi mobili. Assicurati che il tuo sito web sia reattivo, adattabile ai dispositivi e veloce da caricare. Poi racconta semplicemente la tua storia, ma fallo in modo breve e semplice.
Non dimenticare di lasciare spazio per l’integrazione dei tuoi canali di social media.
Perché non trasmettere i tuoi visitatori, convertendoli in follower?
Fornisci informazioni utili e complete su tutti i tuoi prodotti. Sia i consumatori finali che gli addetti ai lavori e i buyers si aspettano di vedere le info sui diversi canali social.
2. Scegli le giuste piattaforme social
Facebook, LinkedIn e Instagram sono tutto ciò che serve per commercializzare e fare brand dell tuo prodotto sui consumatori.
Quelle sono piattaforme seguite dai bevitori di vino, a cui piace postare foto e far girare i brand.
Qualunque altra finestra social, in questa fase, è probabilmente una perdita di tempo, ma bisogna essere flessibili, investire nelle piattaforme future se stanno diventando importanti per il mondo del vino.
Fornisci informazioni utili e complete su tutti i tuoi prodotti.
3. Connetti i tuoi account sui social media.
Come per il tuo sito web, il tuo account social è la prima impressione e il primo contatto che molti consumatori e clienti avranno del tuo marchio.
Assicurati che le foto e le descrizioni del tuo profilo siano chiare e ordinate e che il marchio della tua azienda sia coerente su tutte le piattaforme.
Un visitatore dovrebbe essere in grado di visualizzare il profilo della tua azienda per capire la tua storia e cosa ti rende distintivo tra la folla, in meno di un minuto.
4. Raccontare la storia e differenziarla dai prodotti
Troppo spesso i produttori di vino raccontano la propria storia (famiglia, vigneti, ecc.), senza parlare dei prodotti. Danno nomi particolarissimi ai vini, senza spiegare il significato. E, anche quelli che lo fanno poi, non collegano la storia principale alla storia del prodotto e questo rende difficile la comprensione dal parte del consumatore.
Ancora una volta, un visitatore del Web o dei social media non ha 20 minuti da spendere sui propri canali per cercare di capire da sé come le diverse storie abbiano un senso insieme. Chiarisci con il tuo team qual è l’essenza della tua storia e come raccontarla semplicemente in relazione ai tuoi vini.
5. Stabilire un calendario editoriale
Una volta che avrai chiarito la tua storia, in che modo vari i canali per raccontarla?
Stabilisci un calendario di eventi che si svolgeranno attorno al tuo marchio: nuove uscite, celebrazioni, punteggi o premi, lavori in vigna, processo di imbottigliamento, vendemmia … e costruisci un programma per pubblicare regolarmente su ogni piattaforma su ciascuna categoria di prodotto, utilizzando varie storie- raccontando gli aneddoti cercando di abbinare il calendario fisico della tua attività con il tuo calendario editoriale.
6. Enfatizza il tuo pubblico
Ricorda sempre che qualunque cosa creerai nel mondo digitale, perché abbia successo, dovrà essere attraente per il pubblico.
Trova il giusto punto di vista per i tuoi contenuti che mettono in relazione il tuo marchio in modo attraente, interessante, coinvolgente per le persone che stai mirando. Le cose che effettivamente aiutano, informano e creano valore.
7. Inizia a pubblicare!
Una volta che sei pronto, è il momento di iniziare a creare contenuti e pubblicarli effettivamente.
8. Contatta influencers, blogger, creatori di contenuti.
Attualmente, influencers e blogger stanno producendo i contenuti più visibili e coinvolgenti per l’industria del vino nello spazio digitale.
Se vuoi che il tuo brand raggiunga un pubblico più veloce, contatta le persone influenti e offri collaborazioni: viaggi del vino, visite alle cantine, post degli ospiti, video e qualsiasi altro modo creativo per esporre positivamente il tuo vino pubblico.
Here the top 10 wine influencers ranked in 2017

9. Trascorrere del tempo, adattarsi al pubblico e imparare.
Il mondo digitale va più veloce del mondo reale, la comunicazione è spesso più leggera e più facile da leggere. Ma questo non significa che ci sia voluto meno tempo per crearla.
Il contenuto di qualità, quello con cui le persone reali vogliono impegnarsi, è spesso semplicemente più condensato e dritto al punto sulla sua “forma digitale”. Coinvolgere un pubblico richiede tempo.
Ma ricorda che sono persone reali con cui stai parlando, non solo un computer o uno smartphone.
Adattati al feedback, reagisci ai commenti, cambia ciò che funziona, prova vari di vista…in poche parole… impara!
10. Non mollare!
I risultati, anche con una strategia digitale consolidata, richiedono tempo. Il ROI (ritorno dell’investimento) è difficile da misurare, soprattutto all’inizio del processo di implementazione.
Pochissimi accounts social si trasformano in grandi powerhouses da un giorno all’altro, stessa cosa per i brand.
Il mondo sta cambiando! Prima o poi ci saranno grandi cambiamenti nel modo in cui comunichiamo e i metodi per commercializzare vino e altri prodotti cambieranno drasticamente.